recensioni, articoli, interviste

aquiloni

 

automata

 

 
 

Gennaio 2010

 

Aquiloni

 

Tempo libero e natura - http://www.tempoliberoenatura.it/index.php?option=com_content&view=article&id=181:aquiloni-istruzioni-per-luso&catid=34:recensioni&Itemid=37

 

di Margherita De Donato

 

Il mondo degli aquiloni, la loro origine, le tipologie, i principi del volo e tanto altro ancora è quanto contiene “Aquiloni, dalle losanghe al kitesurf: istruzioni per l'uso” di Guido Accascina, edizioni AQUILONI ALIVOLA.
Il piccolo manuale, denso di notizie interessanti corredate da fotografie e disegni esplicativi, introduce i lettori nella storia degli aquiloni, che copre un arco di tempo di tremila anni, attraversando ambiti culturali e geografici estremamente diversi. Si pensa che la loro patria sia la Cina e che commercianti e missionari siano gli artefici della loro esportazione nelle altre nazioni (in Europa, precisamente in Olanda, arrivarono dopo il Cinquecento). Sfogliando le pagine, scopriamo che i primi aeroplani dell'inizio del Novecento derivano da aquiloni scatolati (box kite, progettati da Lawrence Hargrave nel 1893) con l'aggiunta di piani di coda orizzontali e verticali atti al controllo del velivolo.


Alla losanga di carta con le code, funzionale per il gioco dei bambini, si contrappongono gli aquiloni usati per trainare le imbarcazioni , per salvare i naufraghi, per pescare e per portare in quota strumenti metereologici. Ovviamente al diverso utilizzo corrispondono forme e materiali differenti, dalla struttura in bambù abbinata a semplici foglie, a quella in carbonio su cui fissare il tessuto da spinnaker.
A chi vuole provare a far volare un monofilo (del tipo a losanghe oppure un box o un delta o uno dai profili alari) o cimentarsi con aquiloni pilotabili a due e quattro cavi, il manuale spiega innanzitutto la regolazione prima del volo, poi come prendere e mantenere quota, come controllarli con le maniglie Quad o con la barra per atterrare e, in aggiunta, i possibili utilizzi di kitesurf, landboard, buggy e snowkite, rispettivamente su acqua, su terra o sabbia e su neve. Conclude il manuale un'utile nomenclatura che descrive le parti principali di ogni tipo di aquilone.
Per l'acquisto del manuale potete contattare TLN. Per ulteriori informazioni rimandiamo al sito www.aquiloni.it
 

Settembre 2008

 

Aquiloni

 

Automata

 

 

Festival della letteratura di Mantova - www.festivaletteratura.it - autori

 

http://www.festivaletteratura.it/2008/schedaautore2008.php?autid=1699

 

Guido Accascina, personaggio poliedrico e affascinante, che ha saputo fare della semplicità un’arte e del gioco uno stile di vita, realizzando con coraggio un progetto in cui pochi prima di lui si erano cimentati.
Tutto ha inizio con un pacco che viaggia da San Francisco fino a Palermo: è il 1981, l’Italia e l’America sembrano appartenere a due periodi storici diversi, Accascina è un giovane ingegnere palermitano e quel pacco è indirizzato a lui, da parte di suo fratello.
Quella scatola non soltanto racchiude un gioco nuovo ma muta sensibilmente il corso della sua vita.
Gli viene in mente di progettare, costruire, far volare e vendere aquiloni, il tutto senza intermediari, liberamente - un “one man work” come dice lui stesso - e non si limita ad immaginare questa possibilità, ma la realizza: nasce così Alivola, impresa specializzata nella costruzione e nella distribuzione di aquiloni, giocoleria, giochi d’aria.
Si mette a studiare le tecniche di progettazione ed il design degli aquiloni direttamente dai cataloghi – le uniche fonti che riesce a trovare - e, vista la scarsità di materiale informativo, decide di scriverselo lui un libro sugli aquiloni che ancora oggi (pubblicato da Stampa Alternativa) è un must per gli addetti ai lavori e non solo.
La popolarità degli aquiloni col tempo cresce a dismisura e Guido Accascina ne è oggi uno dei più quotati e stimati progettisti, nel frattempo si è trasferito insieme alla ditta Alivola a Montopoli di Sabina, in provincia di Rieti.
Come i bambini, quando scopre qualcosa di nuovo e affascinante, Accascina la vuole capire, possederne le tecniche e scoprirne i segreti. E’ successo così anche con gli automata, piccole sculture animate in carta, legno o metallo, che attraverso complicati congegni meccanici, realizzano dei semplici movimenti insieme buffi e affascinanti. Guido Accascina li ha scoperti durante una visita al Cabaret Mechanical Theatre di Londra dove sono esposti quelli realizzati dai migliori artisti come Paul Spooner e Peter Markey e da allora non li ha più abbandonati.
Il numero di automata che si possono costruire è potenzialmente infinito, solo per fare qualche esempio: la coppia che si bacia e l’automata che riproduce il movimento delle onde, l’orchestrina, l’elefante che fa un balzo alla vista del topolino, il leopardo che si mimetizza dietro l’erba della savana, la tartaruga che nella celebre corsa supera la lepre avvalendosi dell’aiuto di un’automobile.
Gli automata sono delle piccole sfide, c’è chi li compra già “bell’e fatti” e si accontenta di fare girare la manovella ma anche chi sceglie di costruirli a casa, optando per le scatole con gli automata in kit di montaggio.
Nel 2001 Guido Accascina e Marina Gigli danno vita a Montopoli di Sabina ad un vero e proprio museo di automata, il “ Modern Automata Museum” che vanta circa 200 pezzi realizzati da artisti provenienti da diverse parti del mondo (italiani, francesi, tedeschi, giapponesi, canadesi, americani).
“Si tratta dell’unico museo” dice ironicamente Accascina “dove non sono gli utenti a muoversi tra le opere, quanto le opere che si muovono mentre i visitatori stanno fermi ad ammirarle!”.

 

Bibliografia Sintetica
Aquiloni, Stampa Alternativa, 1996

 

Febbraio 2008

 

Aquiloni

 

Automata

 

Zoe Magazine - zoemagazine.net

 

Una piccola visione del mondo in un giro di manovella

di Alli Traina

 

In una società che va di fretta, dove non c’è tempo per fermarsi a pensare, dove si vince se si ottiene “tutto e subito” e dove quel che conta è il risultato e non la sostanza, è ancora possibile elaborare un punto di vista personale e “perdere tempo” per sperimentarlo?

In altre parole, è possibile ritornare a quel concetto di semplicità che ha in sé tutto lo sforzo e la fatica della complessità? C’è chi alla propria realizzazione ha cercato di dare una forma personale e creativa, affrontando scelte e sfide con l’ironia e la leggerezza di chi sa ancora giocare.

Si tratta di Guido Accascina, personaggio poliedrico e affascinante, che ha saputo fare della semplicità un’arte e del gioco uno stile di vita, realizzando con coraggio un progetto in cui pochi prima di lui si erano cimentati. Tutto ha inizio con un pacco che viaggia da San Francisco fino a Palermo: è il 1981, l’Italia e l’America sembrano appartenere a due periodi storici diversi, Accascina è un giovane ingegnere palermitano e quel pacco è indirizzato a lui, da parte di suo fratello. Se fosse la scena di un film, potrebbe farsi un primo piano sul volto del giovane palermitano e seguirne le espressioni che cambiano lentamente mentre apre la scatola: prima non capisce, vede colori e materiali sconosciuti, poi intuisce, si incuriosisce e, quando si ritrova fra le mani un aquilone (di quelli che a Palermo neanche se ne immaginava l’esistenza) ed un catalogo, gli si dipinge sul volto quel “senso di meraviglia” a cui fa spesso riferimento nel descrivere i ricordi più cari che gli hanno svelato nuove emozioni e intensità. Quella scatola non soltanto racchiude un gioco nuovo ma muta sensibilmente il corso della sua vita. Gli viene in mente di progettare, costruire, far volare e vendere aquiloni, il tutto senza intermediari, liberamente - un “one man work” come dice lui stesso - e non si limita ad immaginare questa possibilità, ma la realizza: nasce così Alivola, impresa specializzata nella costruzione e nella distribuzione di aquiloni, giocoleria, giochi d’aria. Sembra che per l’ingegnere palermitano rivoluzionare la propria esistenza seguendo i suoi colpi di genio – così definisce l’idea che l’ha portato a fondare la sua azienda – non sia poi così complicato.

La semplicità con cui racconta di avere capito che poteva investire sugli aquiloni in un momento (gli anni 80) in cui in Italia erano pressoché sconosciuti ed in cui non esistevano che pochi libri sulla materia, fa sembrare semplice quello che per la maggior parte della gente rappresenterebbe solo un groviglio di problematiche, limiti imprescindibili ed ostacoli invalicabili. Si mette a studiare le tecniche di progettazione ed il design degli aquiloni direttamente dai cataloghi – le uniche fonti che riesce a trovare - e, vista la scarsità di materiale informativo, decide di scriverselo lui un libro sugli aquiloni che ancora oggi (pubblicato da Stampa Alternativa) è un must per gli addetti ai lavori e non solo. La popolarità  degli aquiloni col tempo cresce a dismisura e Guido Accascina  ne è oggi uno dei più quotati e stimati progettisti, nel frattempo si è trasferito insieme alla ditta Alivola a Montopoli di Sabina, in provincia di Rieti.La ricetta del suo successo sembra stare nella particolare caratteristica della sua indole che si condensa in quella capacità di stupirsi e meravigliarsi tipica dei bambini. E come i bambini, quando scopre qualcosa di nuovo e affascinante, Accascina la vuole capire, possederne le tecniche e scoprirne i segreti.

E’ successo così anche con gli automata, piccole sculture animate in carta, legno o metallo, che attraverso complicati congegni meccanici, realizzano dei semplici movimenti insieme buffi e affascinanti. Guido Accascina li ha scoperti durante una visita al Cabaret Mechanical Theatre di Londra dove sono esposti quelli realizzati dai migliori artisti come Paul Spooner e Peter Markey e da allora non li ha più abbandonati.Li definisce “una piccola visione del mondo in un giro di manovella”, spiegando che “è un’idea che viene spontanea se li si paragona agli haiku giapponesi, che possono definirsi una piccola visione del mondo in tre brevi versi. L’automata compie un’azione che si ripete a ogni giro di manovella e all’interno di questo ciclo si racconta una storia molto semplice e breve che tuttavia, come gli haiku, è preceduta da uno studio e un lavoro estremamente vasto”.Come gli haiku  (l’antichissima forma poetica giapponese di tre versi composti rispettivamente da cinque, sette e cinque sillabe) gli automata rappresentano delle immagini, dei movimenti, una visione rapida ed essenziale della realtà, raccontano piccole storie che tuttavia nascondono ed ispirano lunghe riflessioni sulla natura e sulle cose.

 “Per costruire un automata moderno ci vogliono spesso anni di lavoro: dall’intuizione iniziale al pezzo finito c’è un percorso complicatissimo” spiega Accascina “per questo chi progetta automata elabora quasi naturalmente un diverso modo di vedere la realtà. Si ripensa completamente all’origine delle cose e dei movimenti, si scompongono e si alterano i meccanismi per arrivare comunque ad avere lo stesso effetto visivo: per esempio quando si mescola lo zucchero nel caffè sono coinvolti un centinaio di muscoli, per farlo fare ad un automata, invece, basta mettere un bastoncino sotto il cucchiaino che, in un unico movimento, fa muovere il cucchiaino, la mano che lo tiene e tutto il corpo. Come con gli haiku l’artista deve tagliare, ridurre tutto il più possibile, finché il pensiero complesso si traduce in quei tre piccoli versi o in quel giro di manovella che poi racchiudono tutto un mondo”.Il numero di automata che si possono costruire è potenzialmente infinito, solo per fare qualche esempio: la coppia che si bacia e l’automata che riproduce il movimento delle onde, l’orchestrina, l’elefante che fa un balzo alla vista del topolino, il leopardo che si mimetizza dietro l’erba della savana, la tartaruga che nella celebre corsa supera la lepre avvalendosi dell’aiuto di un’automobile.Gli automata sono delle piccole sfide, c’è chi li compra già “bell’e fatti” e si accontenta di fare girare la manovella ma anche chi sceglie di costruirli a casa, optando per le scatole con gli automata in kit di montaggio.“Si tratta di giochi che hanno poco a che fare col modo con cui si fanno le cose adesso, in cui si spinge un bottone e tutto funziona: sia per gli aquiloni che per gli automata bisogna impegnare la testa, la fantasia, la manualità, le abilità corporee, insomma il corpo e la mente ne rimangono totalmente coinvolti.”.C’è, poi, un aspetto buffo e soprattutto un senso di velata ironia che scaturisce a ogni “giro di manovella” eppure, riflette Accascina, “dove succede questo passaggio nessuno l’ha ancora capito, del resto è la caratteristica stessa dell’ironia: appena uno ne parla, sparisce!”.Nel 2001  Guido Accascina e Marina Gigli danno vita a Montopoli di Sabina ad un vero e proprio museo di automata, il “ Modern Automata Museum” che vanta circa 200 pezzi realizzati da artisti provenienti da diverse parti del mondo (italiani, francesi, tedeschi, giapponesi, canadesi, americani).“Si tratta dell’unico museo” dice ironicamente Accascina “dove non sono gli utenti a muoversi tra le opere, quanto le opere che si muovono mentre i visitatori stanno fermi ad ammirarle!”.Il piacere della lentezza, l’ironia e la semplicità che caratterizzano questi giochi sembra siano contagiosi: pare che una volta “imparato a giocare” non si possa più fare a meno di guardare alle cose in un modo diverso, lasciando che siano le nostre attività a condizionare lo scorrere del tempo e non viceversa.

 

Febbraio 2006

 

Aquiloni

Aquilandra.it

 

Cos'è un aquilone

di Domenico di Noia

 

Scrive Ing. Guido Accascina, nel suo bellissimo ed esauriente libro "AQUILONI" (libro che consiglio a tutti quelli che si incuriosiscono ad osservare un aquilone volare):
un Aquilone è ufficialmente un oggetto più pesante dell'aria che vola sostenuto dal vento, ma in realtà è qualcosa di molto personale ed è difficile definire con esattezza se a volare sia un oggetto o qualcos'altro e se a tenerlo in aria sia solo il vento. Oltre che per giocare, gli aquiloni sono stati usati nel corso del tempo per trainare imbarcazioni, per sollevare persone, per spaventare nemici, per pescare, per salvare naufraghi, per fotografare dall'alto, per portare in quota strumenti metereologici, per segnalare, per alzare antenne radio, per contrabbandare liquori, per infiltrarsi in volo silenziosamente nelle linee nemiche, per passare cavi da una sponda all'altra di un fiume, per scopi pubblicitari, per catturare i fulmini, per entrare in una città assediata, per misurare. Distanze, per lanciare messaggi, per sperimentare il volo a motore e il volo planato ma anche, con un significato animistico, come mezzo per entrare in contatto col mondo degli dei, con l'anima delle cose, con la benevolenza del clima, con il soprannaturale, usando il destino del volo come auspicio del futuro. Gli aquiloni hanno una storia ricca e multiforme, che copre un arco di tempo di tremila anni, attraversa ambiti culturali estremamente diversi ed è costantemente rinnovata da nuovi progetti

 

9 Giugno 2005

Automata

Comune di Montopoli di Sabina

 

Convegno

 

Automi: Draghi e cavalieri dalla rocca di Monaco alle colline di Montopoli di Sabina

Intervengono:

Dott. Henri Fissore, S.E. Ambasciatore Plenipotenziario a Roma del Principato di Monaco "

Dott. Guido Accascina, Direttore "Modern Automata Museum"

Mons. Prof. Carmelo Cristiano, Storico Arte Medioevale

Giancarlo Felici, Sindaco di Montopoli di Sabina

Mario Perilli, Consigliere Regionale del Lazio

Giuseppe Rinaldi, Assessore alla Cultura della Provincia di Rieti

Prof.ssa Cristiana Bindi, Presidente Associazione Culturale "Flàbrum" "LE COLLEZIONI IMPOSSIBILI"

 

9 Giugno 2005

Automata

 

La Repubblica – Roma

 

L’iniziativa: a Montopoli in Sabina collezione di sculture mobili

 

Ma i moderni e avveniristici robot di oggi, avevano degli antenati? La risposta è sì, gli automi. Ovvero sculture mobili, immaginate, progettate e costruite da inventori e scienziati, che oggi vengono collezionate in ogni angolo del mondo da istituzioni e privati che dedicano creatività, tempo e spazio a queste strane e poetiche opere d'arte meccanica. A questo proposito, a Montopoli in Sabina,. a pochi chilometri da Roma, c'è un piccolo museo, il Modem Automata Museum costituito grazie ai pezzi della collezione privata di Guido Accascina. La raccolta ha un filo conduttore: il rifiuto della guerra. Per tutti gli interessati, oggi sarà l'occasione per saperne di più. II Comune di Montopoli ha infatti organizzato una giornata di visita (a ingresso gratuito) al Museo alle ore 15, presso il complesso Monumentale di Santa Maria degli Angeli.

 

9 Giugno 2005

Automata

 

Rieti oggi

 

Uno spazio alle sculture meccaniche

 

Automi, gli antenati dei moderni robot

Automi: sculture mobili, progettate, immaginate, costruite e collezionate nel mondo da artisti che dedicano tempo e creatività a queste opere d’arte meccanica. Antenati dei più avveniristici robot sono oggetti di collezionismo da parte di privati ed istituzioni. A Montopoli Sabina è nato il Modern Automata Museum, costituito grazie alla collezione privata di Guido Accascina, una raccolta di automi accumunati da un filo conduttore: il rifiuto della guerra. Occasione per saperne di più sarà la visita organizzata al Museo alle 15 e lo studio sul tema presso il Complesso Monumentale di Santa Maria degli Angeli a Montopoli alle 16. Interverranno, oltre ai rappresentanti degli enti locali e a Guido Accascina, che presenterà una relazione sulle sculture meccaniche, la professoressa Cristiana Bindi, Henri Fissore, ambasciatore del Principato di Monaco a Roma che parlerà del Museo degli Automi di Montecarlo, e lo storico Carmelo Cristiano.

 

24 Aprile 2005

 

Aquiloni

 

Giocoleria

 

 

Juggling Magazine

 

Intervista di Adolfo Rossomando

 

Guido Accascina, da dove cominciamo?

Nell’81, a Palermo, facevo parte di un gruppo di ragazzi che organizzava mostre e dava spazio alla creatività, e il PCI ci chiese di occuparci della Festa dell’Unità. Organizzammo così un giardino con un souk arabo lungo mezzo chilometro, pieno di gente, di fantasia, di colore. Parteciparono 50.000 persone, con un incasso di 95 milioni, e la festa venne prolungata di un’altra settimana! Ottenemmo allora in concessione zone degradate della città, coinvolgendo le forze attive della città.

In quei giorni mi arrivò da S. Francisco (USA) un pacchetto da parte di mio fratello Gabriele. All’interno c’era un aquilone acrobatico, e un catalogo di aquiloni. Sfogliandolo vidi per la prima volta delle vere e proprie sculture volant, ed immaginai di poter sognare di notte un aquilone, costruirlo il giorno dopo, farlo volare e infine venderlo. Un ciclo completo di produzione senza intermediari, padroni, in assoluta libertà (one man work). Il caso voleva che mia madre avesse aperto in quell’epoca un negozio Città del Sole, che il gruppo CDS prendesse già aquiloni dall’Inghilterra, e che il mio amico velaio Francesco Valenza, con il quale stavamo arredando la Festa dell’Unità con centinaia di teli in spinnaker colorati, conoscesse benissimo questi materiali. Pochi giorni nella sua veleria era già nata la ditta Alivola, che oggi è una piccola impresa con dipendenti, rappresentanti e un circuito di circa 500 negozi di giocattoli, di modellismo, di sport, di aquiloni e giocoleria, dove tutti sposano benissimo aquiloni e giocoleria. Un’impresa sana, che cresce con costanza e gradualità, senza indebitarsi con le banche, che ha un buon prodotto e ottimi clienti.

 

Come costruivi i tuoi primi aquiloni?

Allora non c’erano in Italia libri sugli aquiloni, e bisognava inventarsi veramente tutto. Guardavo i cataloghi con la lente d’ingrandimento, cercando di capire quale struttura supportasse la vela. Erano tempi in cui dovevi sperimentare, procedendo per prove ed errori. Con pochi libri di riferimento, tra cui Kites, di David Pelham, e molta sperimentazione; decisi allora di realizzare un mio libro sugli aquiloni, che venne pubblicato da Stampa Alternativa. Ero così preso da questo libro che a volte alzavo gli occhi dalla scrivania e mi sembrava che tutta la stanza volasse!

C’era al tempo già un festival, quello di Cervia, dove nell’81 parteciparono 10 aquilonisti, di cui sette stranieri e tre italiani, e fino al 92/93 conoscevo nome e cognome di tutti gli aquilonisti italiani. Poi l’aquilonismo è cresciuto, così come le discipline e i tipi di aquiloni, ed ora in Italia, con ben 60 club di aquilonisti, mi capita spesso di andare ai festival e di conoscere forse nemmeno la metà delle persone.

 

Il magnetismo degli aquiloni

L’aquilone, esistendo da migliaia di anni, ha una sua stratificazione e fa parte ormai della cultura sociale. Quando dico che costruisco aquiloni, subito rispondono “Ah!” e, aprendo le porte della loro memoria, pescano un archetipo che tutti abbiamo dentro - l’idea del volo - che non si perderà mai.

Una sera sulla spiaggia della Sicilia abbiamo alzato un aquilone che poi è scomparso nel buio della notte. Avevamo in mano questo filo e ci sembrava di essere attaccati alle stelle, un’esperienza un po’ magica. L’aquilone non ha tempo, e fatto il primo passo, come per la giocoleria e tante altre attività, varchi una soglia e non torni più indietro. Fai un movimento verso l’interno e verso l’esterno, entrando nella dimensione nascosta di te stesso e in un gruppo di persone da cui prima eri escluso. Un percorso iniziatico alla fine del quale sei più maturo, più adulto. Poi c’è chi come me ci rimane dentro per tutta la vita. Un giorno abbiamo attaccato ad un’aquilone un walkman ed una telecamera, che riprendeva a cento metri d’altezza il mare agitato, con il vento che entrava nel microfono e le poesie di Bob Wilson da sfondo; un video breve ma dagli effetti da brivido.

 

Popolo di giocolieri e popolo di aquilonisti

Esiste, come in tutti i gruppi sociali, una rete, che non è codificata e che è formata da persone che col tempo si sono riconosciute in un certo spirito, magari diverso da altri. E’ un nucleo forte, di persone anche di una certa età, che promuovono con entusiasmo festival, dove, per esempio, amici norvegesi vanno in giro con in mano un tubo e un bicchiere, offrendo a tutti dell’ottimo whisky. Poi alzi il naso e scopri che la bottiglia è lassù in alto, attaccata ad un aquilone, ed il filo è appunto il tubo nel quale scorre il whisky!

Nel 97 a Palermo abbiamo realizzato un’opera in notturna con gli aquiloni, invitando 50 aquilonisti da tutto il mondo. Il testo L’AQUILONE, di Michelangelo Antonioni e Tonino Guerra, raccontava di un bambino in clausura che faceva volare il suo aquilone. Tutti capivano che era un segno di libertà e gli portavano filo dai paesi vicini, per farlo volare più in alto possibile. Nello spettacolo un piccolo aquilone veniva appunto aiutato nel volo da grandi aquiloni artistici. Un’opera corale, con musica ed una stravolgente scenografia volante. In quel caso tutti gli io si sono fatti da parte, e il tutto diventava maggiore della somma delle parti, proprio come avviene durante il toss up dei giocolieri.

Ricordo con piacere l‘atmosfera che si respirava a Torino durante la EJC del ‘97. Giocoleria ed aquiloni sono attività dove non regna l’atteggiamento conflittuale. Mi sembra una cosa sanissima, perché insegnano a stare bene con se stessi e con gli altri. Inoltre nella giocoleria non conta avere, o esibire, un bell’attrezzo, magari costosissimo, ma conta essere, essere capaci di far funzionare al meglio il tuo attrezzo, e ciò non consente bluff di alcun tipo.

 

La scelta della giocoleria

Mario Bartiromo, nostro collaboratore, si accorse che in altri paesi aquiloni e giocoleria viaggiavano ormai bene insieme. Incontrammo Mr. Babache alla EJC di Torino, e gli offrimmo una rete di distribuzione nazionale, perfettamente rodata, che ha funzionato da subito. La cosa importante è sapere cosa stai distribuendo, assistere negozi e clienti, avere un magazzino pronto a soddisfare le loro richieste. Penso che i giocolieri siano sempre un passo avanti rispetto a noi e, grazie al passaparola e alla continua sperimentazione, sono anche molto esigenti,  perfino sul colore degli attrezzi!

Agli inizi in ditta non sapevamo distinguere un diabolo da un devil stick, mentre oggi tutti abbiamo una buona familiarità con gli attrezzi, e Antonio Sciamanna, uno dei magazzinieri, dopo il lavoro va a fare spettacoli di giocoleria nel suo paese! Io invece faccio parte del circo Patani, insieme a Marina e nostro figlio Simone, e sono ormai un professionista della monoclava, che riesco a far passare da una mano all’altra (inside passing)! Abbiamo le nostre t-shirt e del circo fanno parte anche i cuginetti di Simone, insieme ai quali ci esibiamo una/due volte all’anno. Siamo insomma la dimostrazione di come ci si può divertire anche senza essere bravissimi.

 

Il Museo

In questi anni sto lavorando ad un progetto cui tengo molto, già approvato dalla Regione, dall’Ente Musei e dal comune di Montopoli: un museo di aquiloni. Fino all’inizio del 900 gli aquiloni, insieme alle mongolfiere, erano l’unico oggetto più pesante dell’aria capace di volare. Ricognizione,  rilevazioni meteorologiche, passaggio di cavi da una sponda all’altra di un fiume, sollevamento umano, utilizzo di antenne per la trasmissione di segnali radio (quest’anno ricorre il centenario di Marconi), ma anche i primi aerei, il paracadute, il deltaplano, sono stati realizzati grazie all’esperienza maturata con gli aquiloni. Questo museo racconterà l’affascinante storia degli aquiloni, offrendo a tutti la possibilità di realizzarli.

 

Il futuro

20 anni fa chi si schierava realmente contro la mafia veniva fatto fuori. Regnava una grande sensazione di impotenza, o di grande paura, e si respirava un’aria pesantissima, per cui mi trasferii a Roma, e subito dopo a Montopoli in Sabina, che trovai bellissima. Adesso, grazie alla giunta Orlando e all’intervento dello stato dopo le stragi di Falcone e Borsellino, la situazione in Sicilia è completamente cambiata, ed oggi, andando in giro per le strade di Palermo, che prima erano deserte, scopri fiumi di gente, fino a sera tardi. Decine di migliaia di cittadini che hanno cambiato la loro vita e creato un clima migliore. C’è più orgoglio e più dignità, così comincio a considerare l’idea di realizzare qualcosa in Sicilia, dove un clima meraviglioso offre potenzialità straordinarie per aquilonisti e giocolieri.

Mi piacerebbe concludere la mia carriera di aquilonista insegnando stabilmente ai bambini. Sono convinto che tutte le generazioni debbano fare l’esperienza di costruire e far volare un aquilone. C’è tanto lavoro da fare nelle scuole, dove più che difficoltà incontriamo solo aperture. Abbiamo fatto corsi e festival in tante città d’Italia, e portiamo sempre nel nostro catalogo l’immagine del momento di gioia vissuta a Villasimius, dove in una settimana facemmo costruire 1000 aquiloni ai bambini. Ma in Italia gli aquiloni vengono ancora visti o come un gioco per soli bambini o come un hobby, o uno sport super specializzato, per adulti. Nel nord Europa incontri gruppi di aquilonisti che si presentano ai festival in 40/50, dai bambini ai nonni, dimostrando come un oggetto comune possa catturare l’interesse e la passione di tutte le generazioni. In cambio del piccolo sforzo che richiede la sua costruzione, si viene generosamente ricompensati dal volo che il vento e l’aquilone producono, e questo puoi facilmente leggerlo nel sorriso di chi lo sperimenta.

 

7 Aprile 2005

Automata

Museo Internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino

 

Giovedì 7 Aprile 2005 alle ore 18,30

Inaugurazione della mostra

Modern Automata Museum

A cura di Guido Accascina

La mostra resterà aperta fino al 4 maggio 2005

M.I.M.A., P.tta Niscemi 5 – 90133 Palermo – tel 091 328060

 

7 Aprile 2005

Automata

 

La Repubblica

 

Gli Automata: Il mondo delle fiabe prende vita con una manovella

di Paola Nicita

 

C’è un gatto panciuto che apre la bocca per ingoiare i pesci dei suoi sogni, un cane con il corpo da uomo che fa i piegamenti con piglio deciso e un drago volante che sbatte le ali e apre ritmicamente le sue fauci metalliche. Benvenuti nel mondo degli automi, dove tutto è possibile grazie ad un giro di manovella, e tra piccole ruote dentate, fili e meccanismi ben a vista si compiono movimenti che hanno la malìa del sogno. Per grandi e per piccoli, nessuno pensi di poter restare indifferente. Se volete scoprirne di più, l'occasione è la " mostra "Modern Automata Museum", che si inaugura alle 18,30 al Museo Internazionale delle marionette (piazzetta Niscemi, dietro piazza Marina).

In città arrivano quarantacinque piccoli gioielli, custoditi in dodici teche, pronti a stupire con i loro movimenti perfetti, dove la naturalezza del gesto è in realtà frutto di un attento lavoro scientifico. La mostra è curata da Guido Accascina, «inventore» del Museo degli automi moderni che si trova a Castelletto di Vezzano, a Rieti, unico d'Europa, e che insieme ad un altro «gemello» che si trova in Giappone costituisce una vera rarità poco più che unica al mondo. «Gli automata - dice Accascina – sono degli oggetti davvero Speciali, uniscono una parte razionale ad una fantastica. Credo che siano una sintesi unica di caratteristiche umane, e proprio in questo connubio risieda molta parte del loro fascino».

Anche i titoli delle «sculture in movimento» non possono esimersi dal rapporto fantastico: così ecco la "Muscolatura da sogno", ecco il "Sogno del cammello apolide che cerca una casa", dicitura posta accanto a un piccolo cammello in legno che nella sua. gobba apribile svela una piramide miniaturizzata.

Il ragionamento, nel mondo degli automi, si sposta immediatamente nel campo possibile dell'irrealtà: un cocktail che mischia "Il mago di Oz" e "Edward mani di forbice" con una spruzzatadi"Alice nel paese delle meraviglie" . I personaggi sono quelli delle fiabe o del mito: Icaro prova a volare con ali legate con un sottile filo, sgranando gli occhioni in vista della caduta, i maialini hanno ali dorate per sfidare la forza di gravità e la sirena con i capelli di fili di rame nuota con gesto leggero in un'invisibile acqua-aria.

“Mentre nel Settecento - prosegue il curatore - il meccanismo era nascosto, gli automi contemporanei vogliono mettere in vista come avviene il movimento, senza celare nulla” lIn legno, carta e metallo leggero, gli automi sono realizzati per lo più a Rieti, grazie alla spinta del museo di Accascina, in Galles - qui esisteva prima una collezione, adesso chiusa – e in Giappone, ma in tutto il mondo  i costruttori non sono più di venti. «Gli automi? - dice Accascina -li definisco «Una piccola visione del mondo in un giro di manovella».

La mostra è aperta ogni giorno fino al 4maggio, dalle 10 alle 13 e dalle15;30 alle 18,30, l'ingresso è di 3 euro per i bambini e 5 per gli adulti.

 

7 Aprile 2005

Automata

La Sicilia

 

In Mostra gli “automata”, burattini dell’era moderna

di Alessandra Galioto

 

C'è un po' di tutto: lì volo non riuscito di Icaro, un porcellino che volteggia, un gatto in paradiso. Da domani al prossimo 4 maggio il Mima, museo internazionale delle Marionette Antonio Pasqualino, ospiterà la prestigiosa mostra «Modern Automata Museum», unica nel suo genere.

Verranno esposte piccole. sculture meccaniche, "automata", realizzate in carta, legno o metallo messe in movimento da una manovella. A differenza degli antichi costruttori di automata, che cercavano con grande fatica di imitare e copiare nel modo il più possibile naturale il reale movimento degli esseri animati, i moderni costruttori invece, evitano ogni naturalismo.

La parte inferiore di queste opere è in genere costituita da un certo numero di leve, ingranaggi, ruote, catene e cinghie, mentre la parte superiore è una piccola opera d'arte che racconta una storia. Per questo ogni automata è la rappresentazione del rapporto stretto tra razionale e fantastico, come anche tra invenzione meccanica ed intuizione creativa.

La mostra ideata da Guido Accascina, porta a Palermo quarantacinque opere diverse che per l'occasione hanno lasciato il museo di Castelletto di Vezzano a Rieti che ne ospita altre duecento tra italiane, inglesi, tedesche, statunitensi, francesi, canadesi, giapponesi e sudamericane.

«Costruire automata è contagioso - spiega Guido Accascina - a tal punto che a Castelletto  di Vezzano, dove,è situato il Museo, già svariati artisti si sono cimentati felicemente con la costruzione di un proprio modello. L'idea mi è venuta anni fa quando sono andato a Londra e ho visitato un museo di giochi meccanici. Poi questo museo ha chiuso, ed oggi quello creato da me e la mia compagna è l'unico in Europa.

La cosa che mi affascina di più e al tempo stesso mi diverte è che in ogni automata esiste una parte meccanica e razionale ed un'altra fantastica e irrazionale: praticamente lo stesso binomio che compone il modo di essere degli individui.

La mostra è aperta fino al 4 maggio, dalle 10 aIle13 edaile 15,30 alle 18,30.

 

7 aprile 2005

Automata

Giornale di Sicilia

 

Automata, sbarcano a Palermo i sogni di Accascina

Di Simonetta Trovato

 

Il gattone, che tanto somiglia a quello di Alice, è volato in paradiso: con le alucce e l'aureola ingolla pesci sorridenti, agitando la coda. Un sogno realizzato, quello del gattone, come è anche quello del dromedario che dalla gobba vede uscire una piramide del suo paese lontano. Pazzie? No, sono ,solo i piccoli automata,gioielli meccanici alti pochi centimetri che raccolgono sogni impossibili di protagonisti altrettanto impossibili. Si inaugura oggi al Mima, il Museo delle marionette “AntonioPasqualino”, la mostra «Modern Automata Museum», ideata da Guido Accascina che nel suo familiare museo di Castelletto di Vezzano (Rieti) ha raccolto circa duecento automata italiani, inglesi, tedeschi, statunitensi, francesi, canadesi, giapponesi e sudamericani. Quarantacinque di questi automata, racchiusi in dodici teche, compongono Ja mostra palermitana Piccole sculture meccaniche in carta, legno o metallo, gli automata vengono messi in movimento di solito tramite una manovella. Durante la mostra, si attiverà una piccola cellula a infrarossi sistemata all'esterno di ciascuna teca,che farà muovere sirene dorate, draghi fantastici (veramente splendido, una meraviglia delicata della costruzione), Icaro che tenta il suo volo, degli Anubi che fanno ginnastica, gatti che i muovono gattini. Il meccanicismo degli ingranaggi si perde nella fantasia, ciascun piccolo protagonista ha un cuore che corre lontano dalla sua nascita terrena.

«Tra il ‘700 e l’800 si costruivano molti automi - spiega Guido Accascina - , ma si cercava anche di imitare e copiare il movimento reale degli esseri animati. I moderni costruttori di automi tentano invece di slegarsi da ogni pretesa naturalistica. Una scuola di costruttori (sono diciannove in tutto il mondo) è viva e vegeta nel Galles, un' altra si sta sviluppando attorno al museo italiano (unico in Europa, l' altro esempio è in Giappone), altri pezzi arrivano dal Sudamerica e dalla Francia.

«Gli automata moderni si possono paragonare agli Aikù giapponesi - continua Accascina - che vengono definiti come una «piccola visione del mondo in tre brevi versi». Questi sono invece «una piccola visione del mondo in un giro di manovella». La parte inferiore degli automata è di solito costituita da un certo numero di leve ed ingranaggi (nell'800 erano nascosti da un panno), ruote dentate, cinghie e camme, mentre la parte superiore è un’opera d'arte che racconta una storia. Razionale e fantastico si fondono, invenzione meccanica e intuizione creativa si sovrappongono.

La mostra sarà aperta ogni giorno fino al 4 maggio (orari: 10-13 e 15,30-18,30).

 

4 Marzo 2005

Automata

La Repubblica – Palermo

 

E li chiamano giocattoli

di Daniela Gambino

 

Ho conosciuto gli automata un tardo pomeriggio. Piccole sculture meccaniche stavano dentro la televisione e si muovevano da sole. Scatti lievi. Azioni precise. «Mica poco per un giocattolo, mi sono detta. Li ho cercato per Internet e ho scoperto il sito del museo degli automata. (www.modernautomatamuseum.com). Dice Guido Accascina, che i bambini sono quelli che rimangono più ammirati dagli automata, gli adulti si chiedono subito come possono fabbricane uno. Ed esistono kit per costruirli (si possono ordinare). Non so a quale categoria appartengo, visto che mi hanno lasciata senza parole. Vedete, gli automata non sono semplici giocattoli cinetici, sono meravigliose macchine perfette della fantasia. L'Home page del sito del museo porta scritto: “Gli automata moderni possono essere paragonati  agli Aikù Giapponesi, che vengono definiti come una piccola visione del mondo in tre brevi versi Gli automata moderni possono essere definiti una piccola viisione del mondo in un giro di manovella”.

Guido Accascina è un ingegnere palermitano, che un bel giorno, agli inizi degli anni Ottanta, ha capito che oltre a progettare abitazioni poteva progettare una nuova vita in campagna, aquiloni per volare, una nuova azienda. Poi vent'anni fa, a Londra, l'incontro con gli automata al Cabaret Mechanical Theatre. “Ho pensato che potesse essere il mio lavoro da vecchietto, mi vedevo davanti a un tavolino, perché l'automata cela una doppia anima “sotto razionale e sopra artistica, come le due parti di una persona, che lavorano insieme».

Con i mezzi moderni, dice Guido, puoi vivere ovunque. Si può volare e rimanere attaccati alla terra con un esile filo. Il museo degli automata nato a Montopoli di Sabina nel 200 l, è una parte di Alivola, un'azienda che produce aquiloni., giocoleria, www.aIivola.it  (la sua esperienza nel 1988 è diventata il libro “Aquiloni” edito da stampa alternativa www.stampalternativa.it.

Gli automata sono piccole sculture meccaniche, realizzate in carta, legno e metallo. che vengono messe in movimento dai visitatori del museo. Il museo raccoglie circa 200automata, realizzati da artisti giapponesi, statunitensi, tedeschi, inglesi, francesi, canadesi, sudamericani e italiani. Alla struttura fissa di Montopoli se ne affiancano altre due. Un museo viaggiante, e la mostra "Contro l'idea della guerra". Una serie di automata costruiti c pensati appositamente per l'esposizione, che vanno per il mondo, unica richiesta, spiega Guido, “che chi ospiti la mostra devolva gli incassi a strutture che operino per la salvaguardia delle salute in zone di guerra”. La magia degli automata toccherà Palermo dal 7 aprile al 4 maggio, ospite del museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino.

 

31 Gennaio 2004

Automata

Frontiera

 

Nel Regno degli automata

di Samuele Annibaldi

 

E’ assolutamente geniale ciò che contiene, ma lo è ancor di più aver pensato di

realizzarlo. Parliamo del "Modern Automata Museum" di Montopoli, sistemato nel piccolo castello di Vezzano (IX secolo d.C.). Inaugurato nel novembre 2001, il Museo degli automata di Montopoli costituisce attualmente l'unico sito in Europa dove si possono ammirare le straordinarie "creature" realizzate da una seri di artisti internazionali. Automata, appunto, ovvero piccole sculture meccaniche di carta, legno o metallo che vengono messe in movimento dai visitatori. Sono custodite in teche e ognuna rappresenta un soggetto, un tema, un sogno. Per azionarle basta premere un pulsante e gli automata prendono vita. Il movimento meccanico simula l'andatura lenta e sinuosa del cammello, l'orchestrina di legno inizia a suonare, !caro vola, il gatto giocoliere stupisce con i suoi esercizi.

Il Museo di Montopoli raccoglie circa 200 automata realizzati da artisti giapponesi, statunitensi, tedeschi, inglesi, francesi, canadesi, sudamericani oltre che italiani. Cento opere circa fanno parte dell'esposizione permanente di Montopoli, contenute in un locale non grandissimo, al punto che il titolare sta anche pensando ad un trasferimento presso qualche struttura che le possa contenere meglio garantendo anche un'espansione della mostra. Le altre sono parte del Museo itinerante e perciò ospite di volta in volta presso strutture, pubbliche o private, che ne fanno richiesta, come è successo nel 2002 al Palazzo delle Esposizioni di Novegro (Milano), all'Explora Museum di Roma, allo Spazio "Artealcontrario" di Modena, al Museo civico archeologico di Magliano Sabina e, lo scorso anno, ancora all"Explora" di via Flaminia a Roma e allo "Schloss Neuenburg" in Germania. Infine, il mese scorso, in Sala Farnese a Peggio Mirteto

«Gli automata moderni possono essere paragonati agli Aikù giàpponesi: una piccola visione del mondo in tre brevi versi. Così gli automata: una piccola visione del mondo in un giro di manovella», dice il titolare e creatore del Museo di Montopoli, l'ingegner Guido Accascina, noto a livello nazionale come costruttore di aquiloni e giocoleria con la sua ditta, l'Alivola, sempre a Montopoli. La visita al Museo genera negli utenti uno stimolo alla conoscenza meccanica unito all'interesse artistico. I meccanismi che consentono il movimento degli automata affascinano il visitatore al punto tale che più di qualcuno, dopo essere stato al Museo, si è poi cimentato nella costruzione di un proprio automata. L'idea di raccogliere queste particolarissime opere d'arte e realizzarvi un'esposizione permanente è venuta all'ingegner Accascina negli anni '80 dopo varie visite insieme a Marina Gigli al Cabaret gli anni esponeva opere di Paul Spooner, Peter Markey ed altri artisti.

Oggi il "Modern Automata Muuseum" di Montopoli organizza visite guidate, corsi per la costruzione di automata indirizzati a ragazzi e adulti, tenuti da alcuni degli artisti e produce materiali didattici, video e libri. Gli artisti, alcuni dei quali oggi vivono in Sabina, che espongono le loro opere al museo di Montopoli sono: Guido Accascina, Marina Gigli, Ivan Fodaro, Luca De Pascalis, Renni Orsi, Andy Hazell, Malcom Brook, Neil Hardy, Rob Ives, Peter Markey, Juta e Jim Mc Cord, Keith Newstead, Walter Ruffler, Keisuke Saka, Paul Spooner, Eric Williamson, Carlos Zapata.

Il Museo si trova in località Granari di Montopoli, in via Case Nuove 3. Il numero di telefono è 0765/279821, fax 07651279559, indirizzo e-mail info@modernauutomatamuseum.com. C'è anche un sito internet: www.modemauutomatamuseum.com. Per visitare il museo gli orari sono i seguenti: dal Lunedì al Venerdì 9.00-13 e 14-17, Sabato e Domenica su prenotazione. Per le scuole e gruppi prenotazione obbligatoria 15 giorni prima.

 

Più che un museo un luogo magico

Chi è stato a Montopoli a visitare il Museo lo racconta così (i commenti firmati sono stati estrapolati dal sito internet):

“Oggi ho accumulato un centinaio di giochi nuovi nel palazzo della mia memoria.”  

“Questo museo è per tutte le età, e questo è bello.”

“Ingegno, arte, humor, Leonardo da Vinci sarebbe stato contento di visitare questo incantevole museo.”

“E' un modo di raccontare le immagini dell'infanzia”

“E' una cosa unica, non mi sono mai divertito tanto in un museo.”

“Movimenti semplici e delicati che fanno volare la fantasia.” “

I piccoli meccanismi delle grandi emozioni.”

“Mi viene voglia di vedere le cave dei costruttori di queste meraviglie.”

“Quanta meravigliosa fantasia, sembra di entrare in un luogo magico.”

“E' veramente splendido, sono tornato bambino.”

Magnifica idea mostrare la genialità dei laboratori e mostrarla a tutti.”

“L'ingegno è un arnese per strappare i coralli dal fondo del mare.”

“ Grazie per la poesia e per l'infanzia ritrovata.

 

9 Settembre 2003

 

Automata

Mostra contro l'idea della guerra

 

Rheinzeitung

 

Kunstwerke gegen die KriegsschaupHitze dieser Wel

 

"Gegen die Idee des Krieges" wendet sich eine Reihe von mechanischen Skulpturen, die derzeit im Kunstflur der Kreisverwaltung Neuwied zu sehen sind, Der Internationale Christliche Friedensdienst "Eirene" hatte die aus Rom stammende Sammlung, die quer durch Deutschland tourt, auch nach Neuwied geholt. Vierzehn bekannte Kilnstler bieten durch bewegliche Skulpturen Einblick in ihre Gedanken und Ideen zum Thema Krieg. Landrat Rainer Kaul (rechts) und Thomas Oelerich ("Eirene") hielten die Erliffnungsreden. Die Ausstellung ist noch bis zum 30. September wilhrend der tilgUchen Offnungszeiten der Kreisverwaltung zu sehen.

 

14 August 2003

 

Automata

Mostra contro l'idea della guerra

 

Kolnische Runchschan

 

Kolner Kultur

 

Woruber man nur noch den Kopf schutteln kahn

"Gegen die Idee des Krieges":

Ausstellung im Domforum zeigt mecnanische Skulpturen .

Von Thomas Linden

Wer gegen den Krieg kampft, muss die Masken enttlarven, hinter denen sich die Aufforderung zum Toten versteckt. In Montopoli bei Rom existiert das ungewohnliche “Modern Automata Museum “ fùr mechanische Skulpturen. Don entstand vor dem Golffkrieg 2002 eine Aktion, an der sich 14 Kunstler beteiligten.

Museumsdirektor  Guido Accascina bat weltweit Kunsttler, die mechanische Skulpturen entwerfen, zu Beitragen fur die Wanderausstellung "Gegen die Idee des Krieges". Im Dornforum sind jetzt 15 diesel' Arbeiten zu sehen, die sich an Originalitat und beiiJ3endem Spott nur so uberbieeten. Alle Skulpturen sind beeweglich. Wenn man vor einen der schwarzen Kasten tritt, in denen sie untergebracht sind, setzt ein Bewegungsmelder die Elektromotoren in Ganggund erweckt die kleinen Kunstwerke zum Leben.

So lasst der Japaner Keisuke Saaka eine Friedenstaube im Tarnanzug dureh den Baum flattern. Keith Newstead zeigt  einen “Dictator", der die blutigen Leiber Gefallener in Hannden halt und dabei Krokodilsstranen vergiest. Der englische Bildhauer Andy Hazell lasst einen hutsehwingenden “Cowboy" auf einem B-52 Bomber reiten.  Brillant in ihrer Verknappung auch Peter Markeys Arbeit “Where is Osama Bin Laden?". In der Vitrine sieht man, wie sieh ein kleines US-Flugzeug uber den Hauptern islamischer Manner bewegt, die alle verstiindnisslos den Kopf schutteln. Die Welt en miniature kann in ihhrer putzigen Dimension atemmberaubenden Schrecken verrbergen. So zeigt Guido Accaascina in "Intelligent Missile", wie ein vollbesetzter Bus ausssieht, in den eine Rakete einngeschlagen ist. Das kleine hollzerne Gefahrt ist zerborsten tote Passagiere liegen herum. Das Grauen des Krieges erinnnert uns hier in seiner pedanntisch geI).auen Reproduktion an die RealiUit, die nicht nur ein Fernsehspektakel ist.

Handwerkliches Geschick, Schonheit und intelligente Bildfantasien stellt die kleine Schau zupackend dar. Wunnschenswert wiire allerdings eine bessere Pflege der Appaaraturen.

Domkloster 3, bis 31. Auugust, Ma bis Fr 10-18.30 Uhr; Sa 10-17 Uhr; So 13317Uhr.

 

24 Giugno 2003

 

Automata

Mostra contro l'idea della guerra

 

 

Rhienische Post

 

Ein Golfspieler, der die Sense schwingt

 

Wie niedlich, ein Rodeoreiter. Auf den ersten Blick wirken die mechaniischen Holzfiguren wie siilles Spiellzeug. Erst bei naherem Hinsehen entthiillen die Objekte der Ausstellung in der Johanneskirche ihre schreckliche Doppeldeutigkeit: Der Cowboy reitet Rodeo auf einer Bombe, und das iiber der Landkartedes Irak.

"Gegen die Idee des Krieges. Meechanische Skulpturen" - so das Theema der Ausstellung, die 15 Objekte von Kilnstlern aus verschiederien Landern zeigt. Die Objekte nutzen kiinetische Energie, also einfach kurz die Hand vor den Bewegungsmelder halten - und die bunten Holzarbeiten legen los: Wiegen, die wie Grabsteine aussehen, schaukeln hin und her. Ein Golfspieler schwingt eine Sense. Eine Palme schiittelt sich im "Desert Storm", eine Anspielung auf die ameerikanische Militaroffensive. "Die Exxponate beziehen sich zum Teil auf reale Kriege", sagte Superintendentin Sabine Menzfeld, die die Ausstellung er6ffnete. "Beispielsweise auf Afghaanistan und auf den Irak."

Ziel der Ausstellung ist es, "den Menschen begreiflich zu machen, das im Kleinen jeder etwas gegen Krieg tun kann", sagte Menzfeld. "Und sie soll zeigen, das Krieg falschlicherweiise bei vielen Menschen mit Sport und Spiel assoziiert wird." .

Die Ausstellung "Gegen die Idee des Krieges. Mechanische Skulptuuren" ist noch bis Mittwoch, 30. Juli, im Foyer der Johanneskirche, MartinnLuther-Platz 39, zu sehen.

 

maggio 2003

aquiloni

www.ragazzinet.it 

 

Sulle ali del vento

di Francesca Capelli

 

Far volare un aquilone è molto divertente. Ma ti sei mai chiesto quanto lavoro richieda la sua realizzazione? Scopriamolo insieme, con l’aiuto di un esperto

 

In questa  stagione è facile veder volare gli aquiloni. Gli adulti ricordano di averli fatti, da bambini, con le proprie mani: bastavano un paio di cannucce e carta velina. “Ottimi materiali”, dice Guido Accascina, fondatore di Alivola, azienda di Montopoli (Rieti)che produce aquiloni. “Ma aquiloni di questo tipo erano molto fragili e non si potevano smontare. Oggi si preferiscono materiali più tecnologici”. 

Come il ripstop di nylon, usato per fare le vele della barche, che pesa appena 42 grammi al metro quadro. Mentre per la struttura si preferiscono legno, vetroresina o fibre di carbonio, materiali che consentono di progettare aquiloni dalle forme impensabili fino a pochi anni fa. 
Siamo abituati a pensare che gli aquiloni servano solo per il gioco e il divertimento, mentre non è così. “Possono anche trainare e sollevare oggetti”, osserva Accascina. 

“Così sono nate discipline sportive, come il kite surf, cioè il surf con la tavola trainata da un aquilone. E non mancano gli ‘usi’ utili: un aquilone permette, per esempio, di prendere la temperatura dell’aria a 100 o 200 metri da terra. Fino all’inizio del ‘900 a questi oggetti erano affidati molti compiti che oggi svolgono gli elicotteri”.
Come si progetta un aquilone? Dipende dall’uso che se ne farà. Se deve trainare o sollevare un oggetto dovrà essere resistente e in grado di catturare tutto il vento disponibile. Se servirà a far giocare un bambino si preferiranno modelli molto leggeri e stabili. Per le discipline sportive (come gli aquiloni acrobatici a 2 o 4 fili) sono possibili modelli tridimensionali capaci, se ben manovrati, di evoluzioni spettacolari. 

Gli aquiloni che voleranno, per esempio, nella pianura padana, sono molti grandi e leggeri, per catturare più vento possibile, quelli destinati alla Sardegna, fin troppo ventosa, sono piccoli e pesanti.
“Malgrado l’impiego di materiali ad alta tecnologia, costruire aquiloni e un lavoro artigianale”, dice Guido Accascina. “Progettiamo l’aquilone, realizziamo il modello e lo facciamo collaudare a un esperto. Poi lo modifichiamo finché non otteniamo il risultato desiderato". 

Solo dopo questi passaggi, l'aquilone sarà messo in commercio. Il tutto richiede circa un anno di lavoro.
La squadra di collaudatori di Alivola comprende nomi illustri. Come Chicco Del Croce, campione di kite surf (nella foto qui a sinistra). O ancora, Ivan Memmo (nella foto qui sopra) e Fabrizio Lucci, entrambi campioni di trick, aquilone acrobatico a due fili. Infine Guido Maiocchi (campione europeo di aquilone acrobatico a quattro fili).
E i prezzi? Un aquilone da bambino costa da 20 a 50 €. Un acrobatico a 4 fili circa 150 €, per arrivare a 1000-1500 € per uno da kite surf. Per sapere di più su Alivola:
www.aquiloni.it

5 Maggio 2003

 

Automata

Mostra contro l'idea della guerra

 

Taz

 

Kinderkrippen im Wind

 

In der Ausstellung "Gegen die Idee desKrieges" ruchen Krieg und Spielerei dicht aufeinander – und heben sich dadyrch umso kenntlicher voneinander ab

Auf den ersten Blick wirkt es wie liebevoll von Hand gearbeitetes Spielzeug: Eine kleine Rakete steht da, langsam offnet sich die Luke, mechanisch. Im RaketennInneraum dann ein durchbohrrtes Herz, das wie ein Motor die Offnung in Gang setzt. Ober dem Herz ist in den Kopfteil der Rakeete der Erdball eingepasst. Malcolm Brook hat diese mechaniische Skulptur gebaut und nennt sie "mechanische Poesie':

Sechzehn mechanische Skulppturen von insgesamt vierzehn Kunstlern sind derzeit im Kapitel 8 an der Domsheide zu sehen. Auf Initiative des Modern Automata Museum in Rom wurde die Wanderausstellung mit dem Tiitel "Gegen die Idee des Krieges" zusammengestellt. Der Titel der Ausstellung ist bei allen Exponaaten Programm: Bei Paul Spooner wiegen sich Kinderkrippen im Wind und sind dabei angeordnet wie die Kreuze auf einem Soldaatenfriedhof. Luca de Pascalis Iasst einen Sensenmann mit seiner Sense Golf spielen. Und der Breemer Walter Ruffler setzt einen amerikanischen Munchhausen auf eine Rakete und Hisst dazu "Blowin' in the Wind"von einer Drehorgel klimpern: Krieg und Spielerei rucken in der Ausstelllung dicht aufeinander. Und heeben sich dabei umso kenntlicher voneinander ab. KlI Offnungszeiten: Mo-Fr 12.30 bis 18.30 Uhr, Sa 11-14 Uhr. Bis zum 17. Mai

 

4 Maggio 2003

 

Automata

Mostra contro l'idea della guerra

 

 

Mix

 

Gegen den Krieg

 

Im Evangelischen Informationsszentrum »Kapitel 8« ist noch bis Sa. 17.5. eine auBergewohnliche Ausstellung zu besichtigen: »Geegen die Idee des Krieges« lautet derTitel. Zu sehen sind mechaniische Skulpturen aus dem Autoomatenmuseum bei Rom.

Im Dezember vergangenen Jahres wandte sich das Modern Automata Museum in Montopoli an KOnstler mechaniseher Skulppturen mit der Bitte, si eh an einer Wanderausstellung zum Thema »Gegen die Idee des Krieges« zu beteiligen. 14 internationale KOnstler stellten ihre Objekte zur VerfOgung. Alle Modelle sind beweglieh und werden dureh eiinen Elektromotor angetrieben. Naeh ihrer Eroffnung im Februar in Rom und ansehlieBender Statiion auf Sehloss NeuenbOrg hat der Bremer AutomatenkOnstler Walter Ruffler die Ausstellung nun naeh Bremen geholt.

Mechanisehe Skulpturen sind insbesondere in England verbreiitet und beliebt. Vier bekannte britisehe KOnstler sind aueh in Bremen vertreten: Paul Spooner, Keith Newstead, Peter Markey und Andy Hazell. Die Modelle erzahlen jeweils eine Gesehiehte, fOr die die Bewegung unerlasslieh ist: Wenn sieh bei Marina Giglis Skulptur »The Wall« die Mauer hebt und senkt und somit eine Gruppe von zufallig verteilten Mensehen getrennt odervereint wird, sagt das mehr als viele Worte.

Geoffnet ist die Ausstellung im »Kapitel 8«, Domsheide 8, von Montag bis Freitag jeweils von 12.30 bis 18.30 Uhr, samsstags von 11.00 bis 14.00 Uhr.

 

24 Aprile 2003

 

Automata

Mostra contro l'idea della guerra

Stadt Kuriel

 

Die Ruhe nach dem Sturm

 

Im Kapite18 ist auch eine Wanderausstellung des Modern Automata Museum in Montopoli bei Rom zum Thema "Gegen die Idee des Krieges" zu sehen. 14 Kunstler, unter anderem Walter Ruffler aus Bremen, stellten 15 mechanische Skulpturen zur Verfugung.

 

13 April, 2003

 

Automata

Mostra contro l'idea della guerra

 

Weser Report

 

Skulpturen gegen die Idee des Krieges

 

(eb) Im Dezember 2002 wandte sich das Modern Auutornata Museum in Montopoli bei Rom an uber 20 KunsttIer mit der Bitte, sich an einer Wanderausstellung zum Theema "Gegen die Idee des Krieeges" zu beteiligen. 14 KunsttIer, unter anderem der Breemer Walter Ruffler, stellten 15 mechanische Skulpturen zur Verfugung. Alle Skulpturen sind beweglich und werden durch eirien EIektromotor anngetrieben, der uber einen Beewegungsmeider gesteuert wird. Tritt ein Betrachter vor die Skulptur, setzt sich der Mechanismus in Bewegung. Die Skulpturen sind bis zum 17. Mai im KapiteI 8 zu sehen.

 

4 Aprile 2003

 

Automata

Mostra contro l'idea della guerra

 

Bremer Kirchenzeitung

 

Der Diktator vergiest ein paar Krokodilstranen, wahrend er eine leb~ lose Figur im Arm hall, US-Cowboys reiten auf Flugzeug und Rakete, einè Mauer hebt und senkt sich (Bild unten):, "Gegen die Idee des Krieges" richtert sich die mechanischen SkulptureIÌ, die noch bis zum 17. Mai im evangeliischen Wormationszentrum Kapitel 8 zu sehen sind. Kunstvoll gestaltet und mit bitterem Witz setzen sie sich in Beewegung, sobald jemand vor die Vitrine tritt. Ein eingebauter Bewegungsmellder macht's moglich. Ein gutes Duttzend Kiinstler hat sich an diesem Proojekt des Modero Automata Museum in Montopoli bei Rom beteiligt, darunter auch der Bremer Walter Rufller. Breemen ist der zweite Ort in Deutschland, wo diese verspieltlung zu sehen ist - Montag bis Freitag von 12.30 bis 18.30, Samstag 11 ,bis 14 Uhr im Kapitel 8, Domsheide 8. '

 

3 Aprile 2003

 

Automata

Mostra contro l'idea della guerra

 

Bremen Anzeiges

 

"Gegen die Idee des Krieges" heiBt eine Ausstellung im Bremer evangelischen Informationszentrum "KapiteI8". Bis zum 17. Mai bewegen sich hier 15 Skulppturen aus dem Automatenmuseum in Rom. 14 Kunstler setzten sich mit dem Krieg auseinander und fertigten mechanische Kunstwerke, die uber einen Elekktromotor und Bewegungsmelder gesteuert werden. So werden "intelligente Raketen" scharf wenn man sich nahert oder ein "amerikanisches Rodeo" beeginnt mit einer Bombe als Bulle. Bis zum 26. Aprii kann zudem eine Installation von Gustav Tilmann mit Bildern von Opfern des Irak-Kriegs gesehen werden. Offnungszeiten fUr beide Ausstellungen: Montag bis Freitag von 12.30 bis 18.30 Uhr und sonnabends zwischen 11 und 14 Uhr.

 

24 Marzo 2003

 

Automata

Mostra contro l'idea della guerra

 

Wu - Statd Eilmurier

 

Gegen die Idee des Krieges

Wanderausstellung im Kapitel 8 Eine ungew6hnliche Wanderausstellung gegen den Krieg und Fotos aus dem Irakkkrieg sind zurzeit im "Kapitel 8" zu sehen.

1m Dezember vergangenen Jahres wandte sich das Modern Automata Museum in Montopoli bei Rom an mehr als 20 Kunsttler mit der Bitte, sich an einer Wanderaussstellung zum Thema "Gegen die Idee des Krieges" zu beteiligen. Vierzehn Kunstler, unter anderem auch Walter Ruffler aus Breemen, stellten funfzehn mechanische Skulppturen zur Verfugung. Diese sind noch bis Sonnabend, 17. Mai, im Kapitel 8 am Domsshof zu sehen.

Alle Skulpturen sind beweglich und werrden durch einen Elektromotor angetrieben.

 

21 Febbraio 2003

 

Aquiloni

 

Automata

 

 

Corriere di Rieti

 

La storia

di R.d.C.

 

Nel caso in cui a qualcuno venisse voglia di fare un giro tra le verdi campagne della Bassa Sabina e allo stesso tempo avesse bisogno di uno spunto per capire cosa vuol fare da grande, la tappa è obbligata.

A Montopoli di Sabina, 40 km dall’uscita A1 per Fiano Romano, sorge dal 1981, tra le mura del Castello di Vezzano costruito nel l’IX secolo dai monaci dell’Abbazia di Farfa, l’Alivola, un’azienda, o meglio l’unica in Italia, impegnata nella costruzione e nel commercio di aquiloni.

Ma questi, che hanno dato il via all’impresa di Guido Accascina e Marina Gigli, pur essendo le uniche volanti non sono le sole sculture presenti all’Alivola.

Dal 2001, l’azienda che già nel 1997 aveva allargato il suo raggio di competenza (trattando la vendita di ed, in alcuni casi, la creazione di articoli del’arte circense e, in tema con il filo conduttore che percorre l’intera storia dell’Alivola, di giochi d’aria) ha dato vita ad un museo di "sculture in movimento".

Il "Modern Automata Museum" accoglie infatti oltre 200 automata, questo è il nome delle opere realizzate da artisti internazionali con più materiali e la cui particolarità risiede nell’essere "animate" dai visitatori del museo.

 

21 Febbraio 2003

 

Automata

 

 

Corriere di Rieti

 

Museo degli Automata, gioielli da non perdere

 

A completare il quadro di originalità in cui si colloca l’Alivola, è sorto 2 anni fa un Museo degli Automata, sculture di legno, carta o metallo che vengono azionate dal visitatore, premendo un pulsante che ne avvia il meccanismo.

L’idea una volta è stata di Guido Accascina e Marina Gigli, in seguito ad una visita fatta al "Cabaret Mechanical Theatre" di Londra in cui, negli anni Ottanta, erano esposti i lavori dei costruttori di Automata. "Alla vista di quelle opere, io e mia moglie abbiamo pensato che non potevano non entrare a fra parte della nostra vita. Così abbiamo preso i primi contatti con gli artisti e nel 2001 abbiamo autonomamente realizzato il Museo".

La collezione di Automata, creati da 15 artisti provenienti da ogni parte del mondo, dall’America all’Europa fino al Giappone, è composta da 200 esemplari, 100 dei quali sono esposti stabilmente nella sede di Montopoli, mentre l’altra metà è "racchiusa" in un museo itinerante che gira il mondo.

Il "Modern Automata Museum" è unico nel suo genere per bellezza ed originalità. Ogni scultura rappresenta un momento della vita, della storia e della fantasia che appartengono sia al mondo umano che a quello animale. Passeggiando tra le sculture può capitare di vedere un nonno di legno che gioca con il nipotino dondolandolo sulle ginocchia al tempo della melodia "Cavallino arrò arrò" o scorgere un gatto di carta che, "cabarettando"con il proprio cibo, si cimenta in un numero degno del miglior equilibrista e così via, per 98 volte ancora.

"Alcuni arrivano già montati, per altri occorre invece provedere al montaggio. Per questa fase – specifica Guido Accascina – proponiamo anche dei laboratori tenuti dagli artisti a chiunque volesse intraprendere l’arte degli automata". Attualmente il Museo è impegnato nella realizzazione di una mostra "Contro l’idea della guerra". La decisione di organizzare l’evento è nata nel dicembre del 2002, in seguito all’elezione di Bush junior a presidente degli Stati Uniti. "Ricordo – afferma l’ingegnere Accascina – di aver subito comunicato la mia decisione agli artisti, chiedendo ad ognuno di loro di realizzare un automata contro la guerra. Era venerdì. Il lunedì successivo avevo già ricevuto dei bozzetti a tema". La mostra, composta da 15 pezzi, come spiega l’ideatore, sarà inaugurata oggi al Museo Explora in Via Flaminia 80 a Roma e si protrarrà fino al 2 marzo, inoltre la visita non comporta un costo ulteriore, ma è compresa nel biglietto di ingresso di Explora.

"Il nostro obiettivo – continua Accascina – è trasmettere la nostra opposizione alla guerra in maniera universale, è per questo che speriamo che la mostra giri tutto il mondo. Dopo l’esposizione a Roma, partirà per la Germania, al solo costo del trasporto e del montaggio e sarà disponibile per tutte le istituzioni che ne faranno richiesta". Quindi, una rassegna di sculture animate dai visitatori, un pulsante per attivare un meccanismo e un tema, quello della guerra, che con l’interattività che caratterizza gli automata, non poteva sposarsi meglio.

 

8 Febbraio 2003

 

Aquiloni

Il Messaggero – Rieti

 

Montopoli: Le invenzioni di Accascina protagoniste al programma Rai Tre "Occupati"

 

Le creazioni geniali di Guido Accascina protagoniste questa sera su Rai3, nel corso della trasmissione "Occupati" in onda alle ore 20. Nel contenitore di Rai spazio all'iniziativa di Accascina, ingegnere romano trasferitosi a Montopoli, dove ha aperto un'azienda che produce aquiloni e sculture volanti.

Un'attività che ha riscosso un tale successo tanto da "scomodare" le telecamere della Rai.

Accascina, fra l’altro, ha dato vita all'Automata Museum, esposizione di meccanismi automatici, sempre a Montopoli.

 

21 Dicembre 2002

 

Automata

 

Incontri

 

Automi al Museo Archeologico

 

Dal 22 Dicembre al 6 Gennaio 2003 (inaugurazione 21-12 ore 16,00) si terrà al Museo Civico la mostra: "Automata al Museo di Magliano Sabina: sculture in movimento " in collaborazione con il Modern Automata Museum di Montopoli.

Gli Automata sono piccole sculture meccaniche realizzate in carta, legno, metallo che ~ vengono messe in movimento dai visitatori.

La mostra esporrà automata realizzati da giapponesi, statunitensi, tedeschi, inglesi, francesi, canadesi, sudamericani ed italiani.

Nelle giornate del 22 e 28 dicembre e 5 gennaio l'artista Luca De Pascalis organizzerà dei workshop dedicati ai bambini maggiori di 7 anni finalizzati alla costruzione di automata.

Venerdì, sabato e festivi dalle 9.00 alle 12,00 e dalle 15.00 alle 18,00 altri giorni

 

21 Dicembre 2002

 

Automata

 

Il Comune di Magliano Sabina

 

Gli Automata al Museo Civico Archeologico

 

Sarà inaugurata il prossimo 21 dicembre alle ore 16.00 nello spazio convegni del Museo Civico Archeologico la mostra degli Automata, organizzata dal Comune di Magliano Sabina in collaborazione con il Modern Automta Museum di Montopoli.

Gli Automata sono delle piccole sculture di legno, carta o metallo che vengono messe in movimento attraverso delle cellule fotoelettriche al passaggio dei visitatori. Essi sono paragonati agli aikù giapponesi e sono definiti "una piccola visione del mondo in un giro di manovella".

La mostra rimarrà aperta dal 22 dicembre al 6 gennaio e coloro ai quali la visione degli Automata susciterà un interesse artistico e uno stimolo alla conoscenza meccanica potranno cimentarsi nella loro costruzione. Sono infatti previste tre giornate di workshop (22 e 28 dicembre, 5 gennaio) finalizzate alla realizzazione di Automata, oltre ad uno shop di vendita di Automata in kit di montaggio.

È di euro 2,00 il biglietto d'ingresso alla mostra, che osserverà il seguente orario: venerdì, sabato e festivi

ore 9.00 - 12.00 e ore 15.00 -18.00; altri giorni feriali ore 9.00 - 12.00; il lunedì, il giorno di Natale e il giorno di Capodanno il Museo rimarrà chiuso.

Il Museo Civico Archeologico è situato nel centro storico di Magliano, in Via Sabina 19, ed espone permanentemente reperti archeologici provenienti dalla Bassa Sabina, sia litici che ceramici, databili dal Paleolitico al Medioevo.

L'ingresso al Museo è gratuito e gli orari sono quelli già indicati per lo mostra.

È possibile organizzare visite gratuite al Museo prenotando telefonicamente.

Questi i recapiti utili per informazioni sul Museo e sulla mostra degli Automata: tel. 0744.910001;

e-mail: museo-civico-ms@libero.it

Per informazioni sul Modern Automata Museum www.modernautomatamuseum.it

 

20 Dicembre 2002

 

Automata

Il Messaggero – Rieti

 

Magliano Sabina: Automata al Museo

di Sergio Silva

 

Domani, sabato 21 dicembre, alle ore 16, al Museo Civico di Magliano Sabina, sarà inaugurata la mostra intitolata "Automa al museo, sculture in movimento". Allestita grazie alla collaborazione con il Modern Automata Museum di Montopoli di Sabina, la mostra esporrà 44 automata realizzati da artisti giapponesi, statunitensi, tedeschi, inglesi; francesi, canadesi, sudamericani e italiani. I pezzi costituiscono un corpus itinerante che è già stato esposto a Roma e a Modena.

Gli automata sono delle piccole sculture meccaniche realizzate in carta, legno,metallo, nelle forme di animali fantastici, draghi, animali veri, cammelli, pinguini, cavalli, persone, che possono essere messe in movimento dai visitatori attraverso delle cellule fotoelettriche.

Ogni pezzo, per ragioni di sicurezza, è all' interno di una teca trasparente; ciascun visitatore che lo vorrà potrà dall'esterno. dare vita all'automata. La trasparenza del contenitore permetterà di osservare il meccanismo di funzionamento e i movimenti dell'oggetto. Come, ad esempio, accade allo stupendo batterista che suona il suo strumento come se fosse vivo: gli manca solo la musica.

La mostra resterà aperta fino al 6 gennaio 2003. Nelle giornate del 22 e 28 dicembre e 5 gennaio, l'artista Luca De Pascalis organizzerà dei workshop dedicati ai bambini e ai ragazzi maggiori di sette anni finalizzati alla costruzione di automa.

Un'occasione da non perdere neanche per gli adulti che, con la scusa di portare i propri figli al museo, potranno. tornare bambini per un giorno; giocando, divertendosi, insomma facendo un tuffo salutare nella loro infanzia. Il costo del biglietto è di due euro e gli orari per visitare la mostra sono dalle ore 9 alle 12 e dalle 15 18.

 

6 Novembre 2002

 

Automata

Vivo Modena

 

Piccole sculture in movimento, gli Automata in mostra a Modena

 

Dal Modern Automata Museum di Roma arrivano in città oltre 50 piccole sculture meccaniche realizzate in carta, legno e metallo.

Gli automata moderni – "piccola visione del mondo in un giro di manovella"- uniscono l’invenzione meccanico-ingegneristica all’ironia del fare artistico, muovendo al bello e alla curiosità di conscerne il meccanismo.

All’interno dell’originale mostra promossa da Arte al contrario in via Carteria 60/60°, sarà attivo un laboratorio didattico in cui i ragazzi potranno progettare invenzioni meccaniche sul genere degli automata.

La mostra, che inaugura venerdì 8 novembre alle 17,30, rimarrà aperta fino al 7 dicembre.

 

9 Aprile 2002

 

Automata

Topolino

 

Roma: Alla scoperta dei segreti del movimento attraverso tante piccole sculture meccaniche.

 

Uomini e animali in carta, legno e metallo vi illustreranno in maniera divertente come funzionano le leggi della meccanica.

E potrete costruire il vostro automa!

Al Museo dei bambini Explora, fino al 22 Aprile

 

4 Aprile 2002

 

Automata

Corriere della Sera

 

Incontri – Malcolm Brook

 

Incontro con uno dei più importanti ed apprezzati costruttori di "Automata", la mostra attualmente in corso ad Explora.

Explora Museo dei Bambini, Via Flaminia 80, Roma

 

26 Marzo 2002

 

Automata

La Repubblica

 

EXPLORA - Sculture meccaniche: tecnosegreti in mostra

di Francesca Alliata Bonnier

 

Piccole sculture meccaniche crescono. O meglio si svelano. Da oggi "Explora", il primo museo interattivo della capitale dedicato soprattutto ai bambini, mette in mostra segreti e virtù di curiosissime "Sculture meccaniche in movimento" grazie al contributo del comune di Roma e all'assessorato alle Politiche per l'Infanzia. Tra rivelazioni ingegneristiche e tecnoinvenzioni vedrete una collezione unica di draghi, orsi, gatti, sirene, atleti, realizzati in carta, legno e metallo da artisti di tutto il mondo e preziosamente raccolte nel tempo da Guido Accascina e Marina Gigli, costruttori di aquiloni e giocoleria e fondatori del "Modern Automata Museum" di Montopoli in Sabina. Ma il divertimento esplode alla fine dell'affascinante percorso di cubi che ospitano i cinquanta e oltre automata, quando ogni bimbo potrà costruire la sua scultura meccanica nel laboratorio: il museo infatti nel costo del biglietto (6 euro) offre il materiale necessario, nonché l'aiuto della guida, per cimentarsi nella realizzazione del proprio automata. Firmato da voi e portato a casa. "Explora", via Flaminia 80,063613776. Fino al 22 aprile. Orario visite guidate: martedìvenerdì alle 9.30, 11.30, 15 e 17; sabato e festivi 10, 12, 15 e 17.

 

26 Marzo 2002

 

Automata

Il Manifesto

 

Il segreto del Movimento

 

Explora – Il Museo dei Bambini – Via Flaminia 80

All’interno del Museo interattivo costruito per i più piccoli, una mostra nata per raccontare il segreto del movimento, e composta da piccole sculture meccaniche realizzate in carta, lego e metallo da artisti di tutto il mondo. Fino al 22 Aprile

 

25-Marzo-2002

 

Automata

Explora – Il Museo dei Bambini di Roma - Comunicato stampa

 

Il segreto del movimento: Sculture meccaniche ad Explora

 

dal 26 marzo al 22 aprile 2002.

EXPLORA, il museo interattivo realizzato soprattutto per bambini curiosi di scoprire la realtà e il meccanismo delle cose, propone una mostra per raccontare il segreto del movimento.

La mostra di automatismi esposta ad Explora, grazie al contributo del Comune di ROMA, Assessorato alle Politiche per Infanzia, rappresentato dall' Assessore Pamela Pantano, è una collezione unica: queste piccole sculture meccaniche sono realizzate in carta, legno e metallo da artisti di tutto il mondo, dal Giappone agli Stati Uniti, dalla Francia al Canada, dalla Germania alla Gran Bretagna.

Ciascun automata può essere definito come "una piccola visione artistica del mondo", nella realtà e nella fantasia. L'uomo e l'animale, protagonisti di questa mostra, sono rappresentati con arte e ironia.

Le invenzioni ingegneristiche che consentono il movìmento di queste piccole sculture stimolano alla conoscenza meccanica e invitano a cimentarsi con la costruzione di un proprio automa.

PIANO DELLA MOSTRA

Al primo piano di museo è allestito un percorso formato da cubi in legno e plexiglas che ospitano una cinquantina di automata. Il pubblico può muoversi liberamente in questo spazio, sperimentare e osservare i meccanismi, confrontandoli tra loro.

IL LABORATORIO DI EXPLORA

sarà offerto ai bambini in visita con i genitori, durante il fine settimana e ai gruppi scuola durante i turni della mattina, dal martedì al venerdì. A tutti ì visitatori del museo saranno messi a disposizione i materiali necessari per cimentarsi nella costruzione di un automata. In linea con la filosofia di Explora - "imparare facendo" - gli animatori guideranno i piccoli artisti inventori aiutandoli a progettare e realizzare una scultura meccanica.

INGRESSO alla mostra incluso nel biglietto del Museo

Bambini € 6, Adulti € 5, Scuole e Gruppi € 5

ORARIO inizio visita:

Mart-Ven. 9:30, 11:30, 15:00, 17:00

Daniela Vaturi

Explora Museo dei Bambini scarl onlus

 

Aprile 2002

 

Automata

Io Donna

 

Il segreto del Movimento

A cura di Nicoletta Pennati

 

Il cammello si muove lentamente. con la tipica andatura sinuosa. Un'orchestra suona, a richiesta, musiche allegre e vivaci. Un gatto si esibisce in un numero da giocoliere con una serie di palline. Sono soItanto alcune delle circa 200 sculture meccaniche esposte fino al 22 aprile nella mostra Il segreto del movimento all’interno di Explora, il Museo dei bambini di Roma.

Realizzate in carta, legno o metallo da artisti italiani e stranieri rappresentano, con arte e ironia, uomini, animali, figure fantastiche. Tutte possono essere toccate e fatte muovere dal visitatori grazie al loro meccanismi.

lnterattività è infatti la parola d'Ordine di Explora, museo privato non profit, nato per offrire al bambini un modo diverso e divertente di apprendere, anche creando, come in questo caso, sculture meccaniche originali nel laboratorio didattico.

lnfo: tel. 06136005488; www.mdbr.lt.

 

23 Marzo 2002

 

Automata

Il Tempo

 

Mostra di sculture meccaniche ad Explora: Segreti in movimento

di Marco Salustri

 

Una piccola visione del mondo in un semplice giro di manovella. Così possono essere definite piccole sculture meccaniche chiamate "automata" con cui si misurano un ristrettissimo gruppo di artisti.

In tutto il mondo non sono più di 20 gli esperti che costruiscono le piccole sculture meccaniche realizzate in carta, legno e metallo, dotate di un sensore che aziona il movimento e di una parte meccanica a vista che ne mostra il funzionamento.

Una raccolta di queste ironiche invenzioni ingegneristiche è in mostra da ieri ( e fino al 22 aprile prossimo) ad Explora, il Museo dei Bambini, a due passi da Piazzale Flaminio.

Provengono dal Modern Automata Museum di Montopolì Sabina, i piccoli protagonisti di questa collezione, che Guido Accascina, Marina Gigli e Luca de Pascalis, costruttori di aquiloni e giocoleria, hanno aperto negli anni '80 per esporre opere di artisti inglesi come Spooner, tedeschi come Ruffler e giapponesi come Saka.

 

2 Dicembre 2001

 

Automata

Il Messaggero

 

Inaugurazione - Montopoli, cento opere in mostra al Modero Automata Museum

di Samuele Annibaldi

 

Sarà inaugurato, questa mattina, alle ore 11, a Montopoli, il Modern Automata Muuseum.

Gli Automata sono piccole sculture meccaniche, realizzate in carta, legno o metallo, che. vengono messe in movimento dai visitatori.

E' un modello unico in Italia, c'è qualcosa di simile solo in Inghilterra.

Il museo raccoglie circa 200 Automata, realizzati da artisti giapponesi, statunitensi, tedeschi, inglesi, francesi, canadesi, sudamericani ed italiani.

Un centinaio di opere sono esposte in modo permanente nel museo di Montopoli, mentre l'altra metà della raccolta è un museo itinerante, in tour, presso le strutture pubbliche e private, che ne facciano richiesta.

Il museo che si inaugura questa mattina, organizza anche visite guidate, corsi per la costruzione di Automata, indirizzati a ragazzi e ad adulti, tenuti da artisti e produce materiali didattici, video e libri.

Il luogo dove sorge il museo è parte della struttura del piccolo castello di Vezzano, del XIX secolo dopo Cristo. Si trova a Montopoli, in via Case Nuove n. 7. Gli orari che osserverà il museo saranno dal lunedì al venerdì: 9-13 e 14-17. Il sabato e la domenica visite solo su prenotazione.

"E' un museo riconosciuto a livello regionale - dice il direttore, ingegner Guido Accascina - in Europa è uno dei pochi esempi di museo meccanico".

Il Modern Automata Museum è a disposizione, per informazioni, ai numeri di telefono: 0765/279821 oppure 0765/279559. Ulteriori informazioni dal sito Interrnet www.modernautomataamuseum.com.

 

18 Novembre 2001

 

Automata

La Repubblica

 

Montopoli di Sabina - In mostra piccole sculture meccaniche: dal cammello all'orchestrina di legno

(G.V.)

 

È un autentico gioiello quello che si inaugura oggi a Montopoli di Sabina, 40 chilometri a Nord di Roma: si chiama "Modern Automata Museum" e raccoglie - come dice il nome stesso - una serie di automata, piccole sculture meccaniche in carta, legno o metallo, che vengono messe in movimento dai visitatori.

Il Museo ne mostra circa 200, realizzati da artisti italiani e stranieri, fra cui giapponesi, americani, tedeschi, francesi. Tra questi, un simulatore di cammello, che riproduce l'andatura lenta e sinuosa del quadrupede con le gobbe; l'orchestrina in legno che suona musica dal vivo; il volo di Icaro e il gatto giocoliere. Paragonabili agli Aikù Giapponesi, gli automata moderni sono «una piccola visione del mondo in un giro di manovella». L'ironia che li ispira, unita alle invenzioni meccaniche che ne consentono il movimento, suscitano un interesse artistico e uno stimolo "ingegneristico" che spesso induce il desiderio di cimentarsi con la costruzione di un proprio automata.

Il Museo, ricavato nel piccolo Castello di Vezzano (IX secolo d.C), organizza visite guidate e corsi di "costruzione". Per arrivare: uscita Fiano Romano, Passo Corese, Montopoli. Info: dal lunedì al venerdì, 9-13, 14-17; sabato e domenica su appuntamento; tel. 0765.279821 (www.modernautomatamuseum.com ).

 

4 Aprile 2000

 

Aquiloni

 

Automata

Corriere di Rieti

 

Alivola, il cielo in una stanza

di Antonio Fragassi

 

La camera dei segreti di Harry Potter è poca cosa rispetto a quella di Guido Accascina, che ha messo il cielo in una stanza con i suoi aquiloni. In quel di Montòpoli, l'ingegnere di Palermo ha reaIizzato il sogno di una vita: creare cose geniali continuando a giocare, a 5O anni, e regalando sorrisi a bambini e adulti.

Ha cominciato con gli aquiloni (l'azienda si chiama appunto Alivola), poi si è inventato gli automata (piccole sculture meccaniche), e ancora un negozio con mille diavolerie, tutto l'occorrente per i giocolieri del circo.

Accascina, tipo apparentemente distaccato, è in realtà una miniera di idee con il raro dono di unire la concretezza dell'ingegnere alla genialità del creativo, all'insegna del gioco che è il leit-motiv della sua vita.

«Sono partito da Palermo - racconta - dove mia madre aveva un negozio di giocattoli. Gli aquiloni doveva comprarli all'estero, fin quando mi chiese perché io, che avevo finto gli studi in ingegneria, non provavo a costruirne qualcuno. Nell'81, insieme ad alcuni amici presentai il primo modello e nel giro di sei mesi la passione era diventata amore; ma la vera svolta c'è stata con l'arrivo a Roma negli anni Ottanta: nell'87, facendo un giro in moto in provincia all'Abbazia di Farfa, vidi il cartello. "Vendesi" di una casa posta su una collinetta, in una zona che mi piaceva molto per la tranquillità e il panorama che scopriva. Con mia moglìe Marina decisi di acquistarla e qui dove siamo abbiamo ristrutturato casa e ricavato ì locali per i laboratori, il resto è arrivato da sé».

Ormai la sua vita si divide tra casa e bottega e per nulla al mondo Accascina rinuncerebbe à questo paradiso dei giochi. «Mi piacerebbe insegnare ai ragazzi come si costruisce un aquilone - scherza -se il presidente Ciampi dà uno stipendio fisso al sottoscritto e a mia moglie, sono disposto a mollare tutto. Non voglio espandere ulteriormente l'attività, anche perché se lo facessi, dovrei lasciare Montopoli e andare in una zona artigianale o industriale,,non fa per me. Certo,qui non c'è il mare e il mare di Mondello mi manca, eccome».

Volare con i piedi per terra è quasi una filosofia di vita: «Sa, non è facile come sembra costruire aquiloni – spiega - io sono ingegnere ed i conti devono tornare, per questo ci vuole studio e pazienza, ogni segmento dell'aquilone deve essere messo al posto giusto, altrimenti non funziona». A Montopoli,con lui che cura l'organizzazione, lavorano la moglie Marina (progettazione e taglio), Aldo (amministrazione), Angelo (spedizioni) , e Giuseppina (sarta). Dall'inizio a oggi, la '''produzione'' di Alivola ,è passata dalle semplici losanghe per bambini agli aquiloni "professionali" per adulti, fino agli spinnaker per i surf, da 8 a 20 metri a seconda della forza del vento. Il materiale più usato è il Ripstop Nylon, 42 grammi di peso e una grande resistenza. «Una bella spinta - aggiunge - l'ha data il sito internet, attivo da quattro anni, ma più in termini di visibilità che di fatturato. Con il catalogo on line (è appena uscito quello 2003/2004 ndr) abbiamo una vetrina in più, ma il nostro mercato è essenzialmente in Italia, pur essendo in ottimi rapporti con l'estero, ìn particolare con un’azienda francese». Nell'economia della wunderkammer di Montopoli, una voce importante ce l'ha il negozio di "giocoleria", che ha fornito,anche i circhi delle famiglie Orfei e Togni.

Un fatturato ,che cresce costantemente del 10-15% ogni anno, a ritmi più vertiginosi cresce la voglia dell'ingegnere di mettere in pratica altri progetti, il prossimo è già in volo.

I Progetti

In "Mr. Hula Hop", il sogno di Tim Robbins, protagonista del film dei fratelli Cohen, era quello di "inventare qualcosa per i bambini". Mutatis mutandis, è lo stesso sogno di Guido Accascina, che ha cominciato con gli aquiloni e gli automata, ma vorrebbe fare un altro regalo ai più piccoli. «Ci piacerebbe - rivela - realizzare un museo vero e proprio dove accogliere le scolaresche per svelare i nostri segreti, ma servirebbe una sede molto più grande di quella che abbiamo, non è possibile accogli ere centinaia di ragazzi in uno spazio risicato come questo. Con le scuole puntiamo a un progetto organico che dovrebbe coinvolgere a turno tutte le realtà della Sabina. Per questo occorre una sensibilità maggiore. Pensate che quando abbiamo inaugurato il museo degli automata, il presidente della Repubblica Ciampi chiamò per scusarsi di non poter intervenire, mentre i politici locali non si fecero vedere ... ». In attesa delle scuole, l'ingegnere tira fuori un'altra idea meravigliosa: «Un sogno sarebbe il museo dei pupi in versione automata, per me un ritorno alle origini sicule, un modo antico ma sempre bello per divertire i bambini insegnandogli la storia».

La novità

Automata, microsculture in movimento

Una mostra per aiutare Emergency

A come Accascina, aquiloni e automata. Questa è la parola magica che indica le sculture meccaniche, in legno o carta, di piccole dimensioni, che l'ingegnere panormita ha raccolto in un museo a Montopoli (uno dei due al mondo, l'altro è a Yokohama, in Giappone), alcune realizzate da lui stesso, molte da artisti stranieri, in tutto un centinaio di pezzi. «Basta un semplice meccanismo azionato da un pulsante - rivela Accascina - e la macchina si mette in moto. Una tecnica, perfezionata vent'anni fa dall'inglese Peter Markey».

Nel mini museo sono riprodotte situazioni della vita di tutti i giorni ispirate a temi di grande respiro.

«La filosofia che sta alla base degli automata è la fusione fra la parte razionale, in basso, che muove tutto, e quella spirituale, che sta in alto». Inaugurato il museo il 18 novembre 2001, Accascina, con la guerra alle porte, ha ideato una sezione sul tema della pace. «La mostra è diventata itinerante, conclude - è stata in Germania a Schloss Neuenburg, nella Foresta Nera, a Brema e in Francia, a Nancy». Il ricavato andrà ad Emergency, per sostenere l'opera del chirurgo Gino Strada al servizio dei feriti di guerra.

 

Ottobre 2002

Aquiloni

Stampa Alternativa

 

Guido Accascina - Aquiloni - Collana Monografie - ISBN: 683-1


Scritto da un costruttore professionista, "Aquiloni" è il primo libro realizzato sull'argomento in Italia, indispensabile per ogni aquilonista e pienamente godibile da chiunque voglia saperne di più.
Oltre ai tradizionali capitoli sui progetti e sulle tecniche di realizzazione, il libro contiene tre parti inedite: una ricostruzione storica, ampia e dettagliata, dell'evoluzione dell'aquilone dalla Cina di duemila anni fa fino ai nostri giorni; una parte che illustra, in modo semplice e divertente, l'aerodinamica del volo; un albero genealogico degli aquiloni, suddivisi per famiglie e generi, in modo da renderne facile il riconoscimento in volo.
Infine una aggiornata agenda con le date dei festival e gli indirizzi dei club, dei costruttori, dei negozi e dei fornitori dei materiali per la costruzione.
Illustrato da centinaia di disegni esplicativi, è arricchito dalle immagini dei migliori fotografi professionisti specializzati in aquiloni.

Novembre 1997

Planet Cerf-Volant n.8 Novembre-Dicembre 1997

Articoli e foto di Maxime Fellion*

traduzione a cura di Dedella Orlando

 

Festival a Palermo

 

All’estremità sud dell’Italia, un’isola rocciosa : la Sicilia. Montagna che il mediterraneo non è riuscita a sommergere.

La Sicilia è sita tra l’Africa e l’Europa, ed è stata invasa molte volte : Turchi, Greci, Neri, Vichinghi, Romani vi lasciarono le loro impronte. La Sicilia è di una rara ricchezza culturale.

Ogni estate, la città di Palermo, più di un milione di abitanti, capitale economica e culturale della Sicilia, organizza una serie di festival che raggruppano tutte le arti.

Musica, pittura, teatro, danza ed altre manifestazioni vivono in tutti i quartieri della città. "Palermo di scena", festival che dura due mesi e mezzo, è una delle più grandi manifestazioni culturali del sud dell’Italia.

I servizi culturali di Palermo volevano un’idea originale per celebrare le festività e. in più, volevano riabilitare i luoghi sul mare accanto al porto. Per far questo, hanno chiamato Guido degli Aquiloni Alivola, azienda sita a Montopoli.

L’idea era semplice, questo Festival doveva essere un piccolo capolavoro da offrire al popolo Siciliano. E lo è stato. La domenica sera, più di 100.000 persone sono venute ad assistere allo spettacolo. Guido ha offerto per quasi un’ora uno spettacolo completo dove si mescolavano aquiloni, musiche, fuochi d’artificio e favole.

Guido e la città di Palermo avevano invitato una quindicina di aquilonisti venuti dall’Europa e dagli Stati Uniti, tra i quali G. Peters, Reza Ragheb, M. Lester, M. Gressier, P. Fabre, C. Capelli e il gruppo dei Vulandra.

Sabato : tutti si incontrano sulla spianata davanti al mare. Il caldo è estenuante, il vento debole, ma ognuno si dà da fare, si assemblano gli aquiloni, si alzano le bandiere. La forza del vento sarà sostituita dalla forza delle gambe, bisognerà correre per far sì che gli aquiloni possano prendere un’ipotetica corrente d’aria.

Ma non c’è nulla da fare, irrimediabilmente gli aquiloni crollano al suolo. Ah, se Newton si fosse sbagliato, ciò sistemerebbe molte cose ! Allora, che fare ? Deve esserci una soluzione. Ed è rapidamente trovata. Ci si procura un centinaio di grossi palloni gonfiati con elio, capaci di sollevare gli aquiloni più leggeri. Così i colli con cravatta di Vulandra ritrovano una testa senza volto, il pesce di Pierre Fabre si ritrova vicino ad uno stupefacente bocciolo di pesca. Una buona idea da ricordare quando manca il vento.

Tutto ciò confermerà agli organizzatori preoccupati che la facoltà di destreggiarsi degli aquilonisti non è una vana parola.

La sorpresa di questo sabato sarà Italiana. Sapendo che la collezione Inglese "European Air Gallery"non è più disponibile, Alivola ha chiamato un gruppo di artisti Italiani e in poche settimane ha creato l’"Italian Air Gallery". Così, Marina Gigli, Anna Morgavi, Barbara Crassellini, Saro Puma, Sandro Beltramo, Lorenzo Isella, Thery Silvestrini, Stefano Bruni, Guido Accascina, tutti pittori, si ritrovano davanti alle loro opere, molti di essi scoprendo gli aquiloni per la prima volta.

La domenica, tutti sapevano che la serata sarebbe stata il momento clou. Il direttore della messa in scena, musicista, aveva spiegato ciò che desiderava ed organizzato il suo programma dopo aver ascoltato ogni aquilonista. In ogni caso, qualunque cosa fosse accaduta, musicisti, cantori, artificieri e aquilonisti erano decisi a presentare lo spettacolo. Tutto il pomeriggio erano stati fatti degli sforzi per dimostrare che la forza delle gambe avrebbe potuto rimpiazzare la forza del vento.

La notte scende, il pubblico è lì, numeroso, le automobili creano un mostruoso imbottigliamento sul viale che costeggia la spianata. Poi comincia una magia che un testo e delle foto non bastano a descrivere. Come raccontare la voce del narratore di fiabe, le esplosioni dei fuochi d’artificio, la musica, le luci e i movimenti degli aquiloni ? Questo spettacolo, poiché si parla di uno spettacolo nel senso forte della parola, è il primo del genere che mi sia capitato di vedere.

Non si può che applaudire e sperare che questa manifestazione sia ripetuta. E’ così che l’aquilone potrà acquistare i suoi veri titoli di nobiltà.

Volo di notte

"Palermo di scena" è stato un vero Festival di aquiloni. Un Festival diverso da tutti quelli che abbiamo visto prima. I voli del sabato e della domenica non sono stati che un preludio alla meraviglia che gli aquilonisti preparavano per la sera. Uno spettacolo straordinario, musica e luci di qualità, un narrastorie incredibile, nessun bisogno di conoscere la lingua di Dante, fuochi artificiali numerosi e degli aquiloni presentati con sapiente distribuzione.

Il volo notturno era il frutto di un lungo lavoro preparatorio. Il pomeriggio della Domenica erta stato consacrato a scegliere gli aquiloni, adattarli allo scenario, alla forza del vento e alla tipologia del terreno.

Ognuno ha dato il suo parere, portato i consigli delle sue precedenti esperienze. Tutti avevano la volontà di raggiungere la perfezione.

Anche se le condizioni meteorologiche non erano delle più favorevoli, e il grande assente della serata era il vento, gli ospiti erano presenti

Niente era stato lasciato al caso : al calar della notte, tutti gli aquiloni erano pronti, posizionati nel loro ordine di entrata in scena, ognuno aveva ascoltato la musica e le indicazioni del direttore di scena ed era diventato un attore al servizio dello spettacolo.

Qualche foto e qualche riga non bastano a descrivere questa magica manifestazione, durante la quale gli aquiloni hanno preso nuove forme e nuovi colori. Ma gli attori di questo spettacolo hanno capito che il messaggio era passato : hanno sentito gli applausi del pubblico. Raramente un festival di aquiloni ha conosciuto un simile tuono di applausi.

Speriamo davvero per l’anno prossimo !

 

* Maxime Fellion è redattore capo di Planet Cerf Volant ed ha partecipato al Festival di Palermo di sua iniziativa e a sue spese, dopo aver saputo dal tam-tam aquilonistico internazionale dell’evento. (Nota di G. Accascina)